Diary

Tradimento…cosa scatta?

By  | 

Il tradimento secondo me…

tradimento

L’altra sera mi sono accoccolata sul divano per gustarmi un film di cui le amiche mi avevano parlato in maniera entusiastica: “L’amore bugiardo

Ho iniziato a guardare questo film immaginando il solito thriller “familiare”, con classico marito fedifrago e moglie svanita nel nulla, ma mi sono dovuta ricredere, lasciandomi subito trasportare da regia e sceneggiatura.

Il plot del film si è subito trasferito sul  vissuto, proiettando lo spettatore nelle profondità del tradimento.

Mi sono sempre chiesta quali meccanismi scattino per indurci a tradire; quali bisogni ci siano alla base, quali piaceri ne conseguano o, meglio ancora, se davvero il piacere che offre il tradimento sia qualcosa che possa renderci felici.

Forse è quel camminare quotidianamente “sul filo del rasoio”, che ci crea l’illusione di vivere su un’altalena, tanto emozionante, quanto pericolosa… quell’irresistibile gioco tra paura e passione, il bisogno di perdersi con l’amante per poi tornare alla terribile normalità, quella normalità che diventa sempre più stretta quando la passione ha evoluzioni inaspettate.

I fattori che entrano in gioco possono essere infiniti… possono influire il carattere ed una certa predisposizione, oppure un senso di frustrazione, che può spingerci a provare a cercare respiro e ad aprire valvole di sfogo capaci di regalarci una nuova vita o anche solo un po’ di vita.

Il prezzo da pagare può avere un sapore amaro,  ma il travolgimento emozionale è talmente assoluto da non farci percepire i rischi; oggi, poi, c’è una nuova forma di tradimento, meno fisica e presumibilmente anche meno mentale.

Tutto si consuma, senza consumare di fatto proprio nulla, in chat. La scena è sempre la solita: ci si ritrova per qualche strano caso, ci si trova simpatici, si ride, si scherza e tutto ha un sapore più dolce rispetto alla realtà di tutti i giorni; poi tutto diventa irresistibile e magari partono selfie e, così velocemente com’è iniziato, altrettanto velocemente tutto finisce…tutto in tempo zero o quasi! Il tutto che non lascia niente!

In verità il film penso volesse evidenziare anche altri aspetti, lasciandoci comunque con un finale amaro e tremendamente credibile, che non svelerò per rispetto di chi ancora non l’ha visto.

Ma, in definitiva, cos’è per me il tradimento? Una violazione del rispetto che, per chi tradisce, viene vissuta come una grande passione, ma per chi la subisce, o peggio ancora la scopre, diventa solo una crudele realtà.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »